Quelli che comandano

  • Autore Federico Pechenino
  • Editore Libromania
  • Genere Narrativa

A Reggio Calabria le famiglie che si contendono il potere sono tante e Don Corrado regna su quel territorio infuocato di povertà e violenza. Nonostante la malattia, il boss continua a dedicare la vita agli affari che riguardano La Società: è così che tutti chiamano quella mano nera della malavita che sembra muovere tutto e che in una guerra tra ‘ndrine gli aveva portato via anche suo figlio.

Un po’ per sopperire al dolore e un po’ per questioni pratiche, Don Corrado ha iniziato ad affezionarsi ad Antonino detto Ninuzzu, quel ragazzo in gamba che gli ricorda suo figlio. Tra loro nasce subito un rapporto di fiducia tanto che Don Corrado gli affida tutti gli affari con le pubbliche amministrazioni del Nord Italia e dopo la sua morte eredita il ruolo di mediatore. I giochi di potere della Società non sono però così lineari e Ninuzzu quel ruolo deve conquistarselo. Inizia una guerra tra i capifamiglia delle ‘ndrine ognuno con l’obiettivo di prendersi il posto di Don Corrado. La violenza regna ormai sovrana e anche le famiglie che da sempre sono al fianco di Ninuzzu improvvisamente gli voltano le spalle. È ormai straniero nella sua terra, ma decide di non arrendersi all’evidenza e intanto mettere al sicuro le persone a lui care. Inizia una guerra senza quartiere in cui il potere conta persino più dell’onore.

Federico Pechenino

Federico Pechenino è nato a Cuneo il 2 dicembre 1981. È da sempre autore di racconti e romanzi che trattano argomenti con una forte aderenza a quella che è la realtà italiana attuale. È al suo terzo romanzo. Ha pubblicato Giù Al vintage, 2015 e Piazza Vittorio, 2018 entrambi con Araba Fenice Libri.

Fai viaggiare la tua storia

Fai viaggiare la tua storia è un’inizativa di Autogrill e Libromania rivolta ai tanti autori che hanno un romanzo inedito nel cassetto e sono alla ricerca di un’opportunità per farsi notare da un editore e arrivare a un vasto pubblico di lettori.

Leggi il regolamento completo e invia il tuo manoscritto entro il 31 marzo 2019.